Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2020

Recensione: La stagione della morte, di Giorgio Borroni

Titolo : La stagione della morte Autore : Giorgio Borroni Editore : Autopubblicato Pagine : 41 Prezzo: 0,99 € (solo ebook) Voto: 4,5/5 Puoi acquistarlo QUI . Questo ebook ci è stato gentilmente offerto dall'autore in cambio di una recensione onesta. Quarta di copertina:  “La stagione della morte” è un racconto tutto italiano, un mix di pulp e horror con scene toste e a tratti raccapriccianti, ambientato nella Maremma toscana di inizio anni Ottanta. Ilio è un reietto e la sua vita in paese è stata sempre un inferno. Quando decide di lasciarsi alle spalle quel luogo tanto opprimente, l’unica persona che desidera portare con sé è Lara, la sua giovane fidanzata. Nessuno potrà fermarlo, è questo ciò che pensa quando bussa alla sua porta. Ma un oscuro mistero si cela dentro quella casa. Non la lasceranno andare, loro non vivono come le persone normali e per liberarsi di lui useranno metodi poco ortodossi e rituali abominevoli. “La stagione della morte” è una stori

Recensione: Come rovinare tutto, di Arianna Ciancaleoni

Titolo : Come rovinare tutto Autore : Arianna Ciancaleoni Editore : morestories Pagine : 214 Prezzo: 2,99 € (ebook), 10,99 € (cartaceo) Voto: 4/5 Puoi acquistarlo QUI nel formato ebook e QUI nel formato cartaceo. Questo ebook ci è stato gentilmente offerto da morestories in cambio di una recensione onesta. Quarta di copertina:  L'estroversa Violante e l‘impacciato Federico si conoscono sui banchi di scuola e si innamorano pazzamente. Federico, però, ha mentito: sa bene che dovrà presto trasferirsi a Milano con la sua famiglia e non ha il coraggio di rivelarlo. Quando Violante lo scopre, decide di troncare per sempre i rapporti con lui: se non è stato sincero finora, non potrà mai esserlo a chilometri di distanza. Cosa succederà quando, dopo vent’anni, si rincontreranno di nuovo per un impegno di lavoro? Si scopriranno ancora innamorati, oppure il tempo e la lontananza avranno ormai rovinato ogni cosa? Recensione di Ariendil: La fine degli a