martedì 29 marzo 2016

Recensione in anteprima: Un compagno tenace - Toni Griffin


Titolo: Un compagno tenace (serie “I fratelli Holland” Vol. 2)
Autore: Toni Griffin
Editore: Mischief Corner Books
Traduttore: Chiara Messina
Numero pagine: 179
Prezzo:  4,48 €

Data di pubblicazione: 30 marzo

Voto: 3,5/5


TRAMA:
Jason Matthew è un uomo spezzato. Ha attraversato l’inferno ed è sopravvissuto a malapena. Ora l’unica cosa a cui riesce a pensare è raggiungere il suo migliore amico, Brian, ma a parte questo, non sa che ne sarà della sua vita.

Jason è terrorizzato quando, al suo arrivo a Leyburn, ad accoglierlo non c’è solo Brian, ma anche due uomini grossi come montagne. Così fa ciò che gli suggerisce l’istinto: scappa. Uno dei due uomini, però, si rivela essere il suo compagno. Un compagno che Jason non è in condizione di accettare, un compagno che non sembra intenzionato a rinunciare a lui.

Alex Holland è costretto a osservare impotente mentre Jason viene portato in un posto sicuro, troppo terrorizzato per lasciarsi avvicinare da qualcuno che non sia Brian. Alex sa che qualcosa di terribile è capitato al suo compagno e che dovrà far ricorso a tutto l’autocontrollo che si richiede a un Alfa per concedergli il tempo necessario a guarire e ricominciare a vivere.



RECENSIONE:
Eccoci al secondo libro della serie I fratelli Holland e devo dire che mi è piaciuto più del primo.
Vi chiederete perché? Beh, intanto ha quel poco di dramma che non guasta  e dà mordente alla storia, lasciando il gusto al lettore di scoprire come si conclude e interrompendo la sua staticità.
Ma veniamo alla trama: avevamo lasciato Brian, alla fine del volume precedente, al telefono con un Jason palesemente spaventato che gli annunciava di essere arrivato in paese.
Una volta arrivato a casa, non appena vede i fratelli alle spalle di Brian, il ragazzo ha una crisi di panico che lo spinge non solo a scappare, ma anche a trasformarsi in lupo con il grande rischio di essere visto dalla gente comune.
Non aiuta la scoperta che Alex si rivela essere il suo compagno perché la reazione possessiva di quest’ultimo terrorizza ulteriormente Jason.
È palese a tutti che il ragazzo abbia subito un grosso trauma e la soluzione migliore al momento è tenerlo al sicuro, lontano da coloro che innescano in lui questi attacchi, Alex in primis.
Arrivati a questo punto della lettura le domande sono tante, cosa può aver ridotto così il solare Jason in una sola settimana? E come potrà Alex arrivare a farsi amare dalla persona che lo guarda come se potesse fargli del male da un momento all’altro?
Gli occhi di Jason si spalancarono quando si rese conto di cosa stava accadendo. No, no, no, no, no…
Non era possibile. Perché doveva incontrare il suo compagno proprio in quel momento, e perché, in nome del cielo, il fato aveva scelto di accoppiarlo a un uomo così imponente? Jason non sapeva che fare. Era certo di non poter stringere il legame con qualcuno di quella stazza, così fece l’unica cosa che gli venne in mente.
Si voltò e fuggì.
L’autrice ha reso i protagonisti credibili, meno sdolcinati dei precedenti ma con il giusto grado di romanticismo, cosa che ho apprezzato visto che nel primo volume li avevo trovati un  po’ eccessivi.
Jason,  con la sua fragilità, spinge il lettore a prenderlo a cuore e Alex, che riesce con pazienza a stargli accanto tenendolo al sicuro, conquista per la sua bontà mostrandoci come spicchi attraverso il suo ruolo di Alfa il suo essere un semplice uomo, con il senso d’impotenza che prova nel non poter impedire la sofferenza della persona  che ama.
Questi sono i punti cardine del libro: lo svelare pian piano la verità e il mostrare come Alex riesca con grande pazienza a conquistare la fiducia del suo compagno rendono la lettura interessante. Il finale, anche se prevedibile, lascia nell’attesa il lettore per vedere l’evoluzione della storia e devo dire che non delude.
Inoltre i segnali lasciati sia in questo che nel primo libro sulla probabile prossima coppia incuriosiscono a tal punto da voler leggere il seguito solo per conoscere l’evoluzione della cosa e verificare le proprie congetture.
Quindi, se volete sapere se anche il fratello maggiore avrà il suo happy ending, vi consiglio la lettura di questo secondo volume!
“Ho avuto un altro incubo. So che stiamo ancora imparando a conoscerci, ma mi domandavo se… ti dispiacerebbe tenermi stretto per un po’?” […]
“A parte Brian, sei l’unico con cui mi senta al sicuro.”
A quelle parole, l’Alfa provò un sussulto di gioia. Jason si sentiva già al sicuro con lui. Un sorriso gli affiorò alle labbra senza che potesse far nulla per fermarlo. “ma certo, dolcezza. Non hai che da chiedere, e ti darò tutto quello che è in mio potere. Preferisci restare qui , o tornare giù nella tua stanza?” domandò, desiderando che il compagno si sentisse più a suo agio possibile. Sapeva che quello era un grosso passo per lui.
Jason si morse di nuovo il labbro, dandosi una rapida occhiata intorno. “Mi piace qui. Ha il tuo odore.” L’ultima frase fu pronunciata a voce così bassa che Alex la udì a stento, tuttavia fu felice di sapere che il ragazzo trovava il suo odore gradevole e rassicurante.


Nessun commento:

Posta un commento