giovedì 21 agosto 2014

Insider's goodies: Il posto di Harry Quattrozampe, di Sue Brown

Eccoci arrivati a un altro appuntamento con Insider's Goodies!
Questa volta vi parlerò di un  romanzo che molte di voi stanno aspettando con ansia: "Il posto di Harry Quattrozampe", di Sue Brown!
Data di pubblicazione: 22 agosto. Mancano solo poche ore, tenete duro!



Ecco la scheda:

Titolo: Il posto di Harry Quattrozampe
Titolo originale: Hairy Harry's Car Seat
Autore: Sue Brown
Traduttore: Beatrice Da Vela
ISBN: Edizione Ebook 978-88-98426-26-3
Lunghezza: 121 pagine
Collana: World / Rainbow
Genere: M/M
Formato: pdf, epub, mobi

Trama: Peter Mitchell si è lasciato il matrimonio alle spalle e se n’è andato con due cose soltanto: una valigia e Harry, il suo compagno canino.
Quando Harry si ammala, Peter si trova ad affrontare una delle decisioni più difficili della sua vita: dire addio al suo migliore amico.

Evan Wells è il veterinario che si occupa di Harry e Peter resta sorpreso di quanto velocemente lui e il medico stiano diventando amici. Si ritrova ad aspettare con ansia le sue telefonate, così come di poter passare del tempo con lui. Peter sa che Evan è gay, ma la cosa non lo preoccupa. Non fino a quando Evan confessa di provare attrazione per lui.

Peter si ritrova ad ammettere a se stesso di non essere così avverso a quell’idea come pensava, e la cosa lo mette in difficoltà.

Prezzo: € 3,49

Innanzitutto vi avverto: preparate i fazzoletti. Tanti. Credetemi, ne avrete bisogno! 

Questa volta, come citazione, ho deciso di regalarvi l'incipit, non lo faccio mai, ma sono le prime righe, a volte, che ci catturano subito o hanno l'effetto contrario. Fate anche voi una carezza a Harry:
Peter si sedette sul tappeto accanto ad Harry. Il cane era rannicchiato su se stesso e si mosse a malapena quando l’uomo gli accarezzò la testa.
«Ehi, Harry,» mormorò Peter, «come stai?»
Il cane si sporse verso la sua mano, ma non si mosse né la leccò, come faceva di solito. Harry aveva circa quattordici anni. Era stato preso in un canile e nessuno era davvero certo della sua età esatta e delle sue origini. Era un incrocio tra un levriero irlandese e un terrier, col pelo tutto ricciuto e con le zampe stranamente corte. Peter non sapeva esattamente cosa avesse provocato quell’incrocio, ma aveva dato a Harry una lunga vita. Adesso il cane era anziano e, nell’ultima settimana, aveva passato più tempo a dormire nella sua cuccia che in qualsiasi altro posto, senza mangiare, senza interessarsi al mondo intero. Peter aveva provato a tentarlo con del cibo per cani che costava più della sua spesa settimanale, ma Harry aveva ignorato la ciotola. Era riuscito a scodinzolare per Peter, anche se quel gesto diventava ogni giorno sempre più debole.
«Non così bene, eh?»
Peter si sedette il più vicino possibile a lui e posò la testa di Harry sulle sue ginocchia. Il cane non protestò e Peter fu grato che l’animale non sembrasse provar dolore. Si appoggiò al muro mentre lo accarezzava. Harry chiuse gli occhi e si rimise a dormire.

E per finire l'immagine dei capitoli (a me piacciono sempre tanto, non so a voi!):


Non vi resta che aspettare qualche altra ora, dunque! E poi... buona lettura! 

Nessun commento:

Posta un commento