lunedì 2 gennaio 2017

La mossa del diavolo - Josh Lanyon

Titolo: La mossa del diavolo 
Serie: Adrien English #3
Autore: Josh Lanyon
Editore: Triskell Edizioni
Traduttrice: Chiara Messina
Pagine: 315
Prezzo: 5,99€ (Ebook) - 12,58€ (Cartaceo su Amazon)

Voto: 5/5 


Trama: Dopo che il commesso della sua libreria sparisce in seguito a delle terrificanti minacce di morte, Adrien English è costretto a vedersela con un misterioso culto satanico, un affascinate professore universitario e la sua traballante relazione col detective Jake Riordan che, pur di non ammettere pubblicamente la propria omosessualità, rischia di compiere un passo senza ritorno.


Recensione: Ormai si sa, amo molto Lanyon come autore. Potrebbe far pensare che io lo difenda qualsiasi cosa scriva, ma al contrario non fa altro che farmi pretendere un certo standard dai suoi libri. Inutile dire che Lanyon non mi ha ancora deluso.
La mossa del diavolo è ormai uscito da un po', in effetti è già stato pubblicato anche il quarto libro della serie (di cui leggerete la recensione a brevissimo), ma io sono la solita ritardataria.
Piccola chicca prima di cominciare la recensione vera e propria: trovate i primi tre libri della serie in cartaceo su Amazon. Io li ho subito inseriti nella mia lista dei desideri per Natale e li ho ricevuti tutti e tre! Credo siano un fantastico regalo per chiunque ami il genere... o per voi stessi, per qualsiasi festività, o senza un motivo in particolare ;)
Tornando alla recensione: ormai al terzo capitolo di questa serie parlare dei protagonisti è inutile. Adrien è sempre il mio preferito, adoro i suoi ragionamenti, il suo modo di agire, il suo realismo. Jake, invece, è più vigliacco del solito e per quanto lo ami ancora, in questo libro l'ho davvero odiato. E questo mi ha fatto adorare ancora più Adrien, anche se non condividevo le sue scelte. Al solito il nostro affascinante librario attrarrà le attenzioni di altri uomini, ma questa volta ci saranno novità. Anche la madre di Adrien introdurrà molti nuovi personaggi e parenti nella vita un po' troppo solitaria del nostro protagonista. 
Ho amato la sottotrama amorosa ma ancora di più la trama investigativa vera e propria. Il crimine arriva letteralmente alla porta del povero Adrien, che per la terza volta si ritrova suo malgrado impigliato nell'ennesima indagine, tirato in ballo dal misterioso commesso presente fin dal primo romanzo. Il tema trattato è affascinante. Il sovrannaturale, il paranormale, il satanismo sono affrontati in modo interessante, non eccessivo, ma ugualmente più approfondito di quanto pensassi. Ho trovato intrigante la spiegazione del satanismo anche in veste filosofica e non meramente "demonizzata" (perdonatemi il termine). Il giallo mi ha incuriosito, come sempre, e ho seguito l'indagine insieme a Adrien, con i suoi dubbi, i suoi sospetti e le sue paure affiancate dai forti sentimenti, dalla sofferenza dettata da quella storia d'amore così complicata e dalla nuova situazione familiare che si è ritrovato all'improvviso ad affrontare.
Il finale probabilmente appare in un primo momento un po' veloce, ma riflettendoci ci si accorge che, invece, il tutto è ben calibrato e realistico. Di sicuro le ultime pagine mi hanno solo fatto desiderare di leggere il seguito il più presto possibile.
Ho notato qualche errore di battitura e qualche refuso, ma non sono riusciti a togliere nemmeno mezzo punto al mio giudizio finale.
La copertina poteva essere più bella, le altre due erano molto più carine, ma apprezzo che mantengano lo stesso modello e lo stesso stile, dando uniformità a tutta la serie. 
Rinnovo, in definitiva, il mio amore per Lanyon e i suoi splendidi libri e vi consiglio caldamente tutta la serie, sia in ebook che in cartaceo.

2 commenti:

  1. Anch'io ho amato questo libro. Ma, al contrario dei più, non ho odiato Jake perché l'ho trovato coerente con se stesso. Uno che non si accetta e non accetta il giudizio degli altri, in merito alla propria omosessualità, non può che comportarsi così. Ho sofferto con Adrien, ma concordo con l'autrice sulla scelta di eventi.
    Aspetto il quarto in cartaceo perché non leggo in digitale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo che Jake sia coerente a se stesso in questo libro, infatti non ho tolto nulla alla caratterizzazione dei personaggi, che amo molto in Lanyon. Il mio "odiarlo" è più che altro un sentimento personale, determinato dall'amore per Adrien e, molto probabilmente, da un mio immedesimarmi troppo in lui e nel reagire diversamente. Nonostante questo capisco entrambi, i loro comportamenti e le loro reazioni, sempre coerenti.
      Spero anche io che il quarto esca presto in cartaceo, ti piacerà molto sicuramente. Lì Jake mi ha fatto oscillare ancora più che in questo tra amore e voglia di dargli un pugno sul bel viso che si ritrova XD Se resti sintonizzata, molto presto uscirà la mia recensione di "Morte di un re pirata", potrai leggerne cosa ne penso ;)

      Elimina