lunedì 19 settembre 2016

Capitale investito - Aleksandr Voinov

Titolo: Capitale investito
Autore: Aleksandr Voinov
Traduttore: Martina Nealli
Editore: autopubblicato
Pagine: 373
Prezzo: 6,99

Voto: 4/5

Trama:
Martin David, analista finanziario volenteroso ma inesperto, è l’ultimo arrivato nel team investimenti della Skeiron Capital Partners, società di private equity con sede a Londra. Il suo capo è un noto genio della finanza, ma è anche prepotente e severo. Nonostante le sue bizze, Martin è attratto da lui dal punto di vista sia professionale che personale; peccato che l’uomo non ricambi. 
In un ufficio dove le amicizie e il pedigree contano molto più di una laurea in economia fresca di stampa, Martin si sente disperatamente inadeguato – almeno finché non incontra l’enigmatico Alec Berger, consulente e gestore patrimoniale, che promette di aiutarlo a costruirsi un nome e una reputazione nell’ambiente della finanza. Martin è talmente affascinato dall’acume e dai modi raffinati dell’uomo che acconsente a passargli informazioni riservate. 
Poi arriva la crisi. Le banche colano a picco, le compagnie finanziarie si aggrappano con le unghie al bordo del baratro, e la sopravvivenza della stessa Skeiron viene messa a repentaglio. Martin si ritrova nel mezzo di una battaglia per il controllo della società, dove non si combatte soltanto l’economia in declino, ma anche un nemico spietato che approfitta della situazione per uscire dalle tenebre e reclamare la sua preda. 

Capitale investito è un thriller finanziario a tema gay dall’autore vincitore dell’EPIC Award nonché finalista al Lambda Award Aleksandr Voinov.

Recensione: Capitale investito è il terzo lavoro di Voinov che leggo e per la terza volta, ve lo dico già da ora, non mi ha convinta al cento per cento. Ciò non significa, però, che non mi sia piaciuto, e infatti gli ho dato 4 stelline su 5. 
Ma andiamo con ordine. Cosa mi è piaciuto? Quello che mi piace sempre dei testi di questo autore: come è scritto. Voinov non segue i soliti cliché dei romance M/M (e infatti questo non si può definire un romance), ha uno stile suo, elaborato, ma non troppo, che fa sì che i lettori riescano a seguire le vicende pur non avendo la benché minima idea di come funzioni il mondo della finanza (ossia lettori come me). Non solo, lo stile scorrevole dell'autore intriga, Vioinov è sicuramente in grado di suscitare curiosità e interesse per le sorti dei suoi personaggi. Insomma, dal punto di vista linguistico mi ha conquistata. 
Invece dal punto di vista narrativo mi ha lasciata per la terza volta un po' insoddisfatta. Sono giusto due o tre cosette. La prima riguarda Martin che, come è scritto nella quarta qui sopra, passa informazioni ad Alec. Per me questa parte della storia, così come è stata impostata, non risulta molto credibile. Martin appare a volte intelligente, altre troppo ingenuo. E la scusa che sia affascinato da Alec regge solo fino a un certo punto. Altra cosa è il cambiamento improvviso di Francis. La caratterizzazione di questo personaggio sembra poco coerente, date le premesse che ci hanno accompagnato per quasi tutto il libro. Francis cambia d'improvviso e questo lascia il lettore perplesso, ha lasciato me perplessa. 
L'ultimo punto è che, nella quarta, si parlava di thriller finanziario, ma per me questo libro non è un vero thriller. Per esserlo, avrebbe dovuto creare più suspense, più aspettative nel lettore, più tensione. E data questa premessa, poi si resta un po' delusi. 
Ripeto che comuque mi è piaciuto, quindi confermo il voto!

3 commenti:

  1. Verrà il giorno in cui ti strapperò la quinta stellina... verrà, verrà è__é

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Quando vuoi, non vedo l'ora! E complimenti per la traduzione. Non l'ho scritto nella recensione perché ehm... mi son dimenticata, ma se il linguaggio e lo stile di Voinov mi piacciono tanto è anche perché son stati tradotti alla grande. Complimenti!

      Elimina
    2. Normalmente minimizzerei... ma tutte le notti insonni, lo stress, il materiale finanziario che ho dovuto leggermi, lo sclero di fronte alle metafore eccetera eccetera esigono come minimo un sospiro felice. Quindi grazie :D
      Ciò detto, è facile tradurre quando dall'altra parte c'è padronanza linguistica, quando l'autore è uno che prende la lingua e le fa fare quello che vuole, la comanda a bacchetta, la plasma secondo sua necessità. In questo genere, nella maggioranza dei libri, si ha la sensazione che sia la lingua (gli stereotipi lessicali, le frasi fatte) a possedere l'autore e quindi quello che scrive, e di conseguenza anche te che traduci. Quando invece incontri una voce narrante così potente, che sa quello che fa... sei costretto a procedere "in accordo" con essa, e il lavoro diventa piacere. Insomma, è il testo che mi ha messa nelle condizioni di fare bene.

      Elimina