martedì 4 novembre 2014

Insider's goodies: Seonac's Son - Cristina Bruni

Il 5 novembre, ossia domani, esce un nuovo racconto di Cristina Bruni. Dopo Gibraltar, ecco che arriva Seonac's Son, e l'ebook sarà del tutto gratuito!
Dopo la scheda che segue, scopriremo insieme qualche retroscena che la stessa autrice mi ha rivelato!



Titolo: Seonac’s son
Autore: Cristina Bruni
Lunghezza: 37 pagine
Collana: Fantasy
Genere: M/F
Formato: pdf, epub, mobi

Trama:
Shelly Wilson è una bimba irlandese di cinque anni quando, in cima a una scogliera, fa la conoscenza di un piccolo folletto dai capelli biondi. Non dimenticherà mai quell’incontro, sebbene per anni non avrà più la fortuna di vedere nuovamente quella magica creatura alata.
È in occasione della sua prima delusione d’amore che il piccolo folletto si materializza di nuovo davanti ai suoi occhi, questa volta per rimanere con lei. Ben presto, il folletto Seonac diventa più che il suo migliore amico: diventa il suo tutto.
Passano gli anni e Shelly scopre di essere malata. È in questo momento che Seonac le rivela il suo amore: le chiede di bere le sue lacrime, così da potersi trasformare in essere umano.
I due ragazzi trascorrono la più splendida delle notti d’amore, fino alle prime luci dell’alba. Ma Seonac non può rimanere per sempre nella forma umana e nemmeno tornare a quella originale. Tuttavia, prima di andarsene, le promette che, presto o tardi, tornerà da lei, in una forma che ancora ignora, per restarle accanto fino alla fine dei suoi giorni.

Racconto gratuito

E ora passiamo alle nostre chicche!
Cristina Bruni la conoscosciamo come autrice di racconti M/M, Seonac's Son, invece, è un M/F. 
La stessa Cristina ci racconta: "Andando contro la mia natura di autrice di M/M, ho scelto di scrivere un fantasy M/F. La scelta è dovuta al fatto che desideravo trattare il tema della maternità dal punto di vista di una donna che desidera diventare madre, ma la vita e la malattia ostacolano l’avverarsi del suo desiderio."

Ci parla poi di uno dei personaggi: "La figura del professor Chee vuole essere un omaggio a Jim Chee, il poliziotto navajo protagonista dei romanzi di Tony Hillerman, uno dei miei autori preferiti."




E infine parliamo dell'ambientazione: 
"La storia si svolge tra due dei luoghi che amo di più al mondo: l’Irlanda e, soprattutto, l’Arizona."
Ed ecco una foto scattata da Cristina in Irlanda, è qui che si svolge la storia di Seonac's Son

E per finire, una citazione scelta dall'autrice stessa: 
 
«Hanno detto che ho una malattia,» esordisce Shelly. «Mi ha portato via una buona parte della mia femminilità. Hanno detto che quasi sicuramente non potrò avere figli...» La ragazza non aggiunge altro, lasciando che uno scomodo silenzio si insinui tra loro.
Seonac non sa bene cosa dire, se sia il caso di dire qualcosa, poiché nel Regno delle Fate e dei Folletti una cosa come questa non è semplicemente possibile. Nel suo mondo, infatti, è sufficiente innamorarsi, pronunciare Ti amo anche una volta sola strofinando il viso sulla pelle dell’amato o dell’amata, per poter vivere assieme felici, contenti e certi di poter procreare, un giorno.
Non sa bene cosa dire per farla sentire meglio e quasi si odia, poiché lui è una creatura magica e le creature magiche non dovrebbero forse essere in grado di fare tutto? Sa solo che vorrebbe poterla abbracciare, affondare il viso in quei lucidi capelli rossi, assaporarne l’odore – quale mai sarà? Pesca, forse? Oppure cocco? – e cercare di farla ridere per sempre.
Quella notte, Shelly Wilson e il suo piccolo Seonac si addormentano l’uno di fianco all’altra, in una stanza anonima di un ospedale ancora più anonimo.
Grazie a Cristina per averci svelato qualche retroscena!
E a voi auguro buona lettura! 

2 commenti: