giovedì 10 ottobre 2013

Recensione in anteprima: Falsa Partenza - Janey Chapel

Titolo: Falsa partenza
Autore: Janey Chapel
Editore: Dreamspinner Press
Voto: 4,5/5

TramaÈ l’anniversario dei dieci anni di diploma di Tucker Locke e lui non ha molto di cui vantarsi. Certo, è un avvocato di successo con una bella macchina e un bell’appartamento, ma la sua vita è vuota e Tucker sa perché. Una decina di anni prima, non essendo ancora pronto a fare coming out, si è lasciato Whit Jamison alle spalle. Tucker ha trascorso dieci anni a fingere di essere etero, dieci anni a pensare ai suoi errori. Ma tutto il tempo del mondo non avrebbe potuto prepararlo alla realtà di vedere Whit di nuovo. Whit è più alto, più maturo, più attraente che mai, e in tutto e per tutto orgogliosamente gay quanto dieci anni prima. Il tempo non ha cambiato la chimica tra i due e sembra che Tucker possa avere una seconda occasione. Tutto quello che deve fare è accantonare gli anni di bugie e abbracciare una potente verità.

Recensione: Pur trattandosi di una breve novella - sono appena 61 pagine - Falsa partenza è una storia che colpisce. Non per la passione fra i protagonisti, che è presente, ma mai al centro dell'attenzione del lettore, né per la dolcezza della loro relazione, che si fa notare solo più avanti. No, questa storia cattura il lettore per un semplice motivo: è una storia che potrebbe succedere e che sicuramente è successa tante volte. È una storia che ricalca la realtà, in una versione dura: quella in cui un uomo si lascia sfuggire l'amore della propria vita perché ancora non è in grado di viverla con onestà verso se stesso. È la storia di un uomo che nel profondo dell'animo vive credendosi un codardo senza spina dorsale. Di una persona che passa dieci anni a nascondersi non solo dagli altri, ma soprattutto da se stesso. Di un uomo che corre. E corre. E corre ancora, perché si sente più leggero, ma che alla fine si rende conto che in realtà sta solo scappando.
Ed è proprio la differenza nel modo di affrontare la vita fra Tucker e Whit che mette in risalto come le proprie scelte influenzino non solo la nostra esistenza, ma anche quella delle persone che ci circondano e soprattutto di quelle che amiamo. Tucker si nasconde nel buio, Whit vive nella luce, con tutto ciò che ne consegue.
La trama si dipana attraverso il susseguirsi dei punti di vista dei due protagonisti, mettendo in risalto quanto sia differente ciò che si vuole far credere alla gente da ciò che veramente si cela nel profondo dell'animo. L'autrice è stata molto brava a gestire i due personaggi e molto capace nel far sentire le loro voci nella sua scrittura. Il tono, le parole, i pensieri rendono riconoscibile chi dei due sta parlando, tanto che se anche la Chapel non avesse scritto a inizio capitolo quale dei protagonisti stesse per raccontare la sua parte della storia, lo si sarebbe capito ugualmente. E anche solo per questo le va riconosciuto un gran talento, non tutti gli scrittori, infatti, ci riescono.
È un romanzo, seppur molto breve, che mi sento di consigliarvi perché, in quella che sembra una storia semplice, senza grandi tragedie, si nasconde un dolore immenso: il rammarico di dieci anni di vita passati a nascondersi dal mondo e lo sforzo enorme che ne consegue il voler uscire allo scoperto.
Non sono sicuro di esser pronto a star davanti a un pubblico e dichiararmi, ma penso di poter dire ora, oltre ogni ragionevole dubbio, che sono gay. Che è molto di più di quanto fossi capace di dire prima, persino a me stesso. 
Falsa partenza merita davvero di essere letto perché è uno di quei romanzi che fa riflettere e che risveglia le emozioni.

Il romanzo sarà disponibile qui a partire dal 15 ottobre 2013, e io, sicuramente, ve lo consiglio!

Sil

6 commenti:

  1. Stupendo! Non vedo l'ora di leggerlo in un fiato.....

    RispondiElimina
  2. Non vi deluderà! Se vi va, ditemi poi cosa ne pensate del libro, una volta letto! Sono curiosa di conoscere la vostra opinione! :D

    RispondiElimina
  3. Sicuramente non mancherò di farti sapere ...ma ufff..siamo solo a venerdì..manca ancora troppo tempo

    RispondiElimina
  4. Contentissima di aver potuto finalmente leggere questo primo racconto(almeno in Italia) della Chapel.
    Ha saputo ,in poche pagine,descrivere il dramma ,lungo 10 anni,di un giovane ragazzo diventato ormai uomo....con toni caldi..e ,per l'appunto, in maniera per niente drammatica a mio modesto parere.
    Ho apprezzato moltissimo il fatto che entrambi i personaggi avessero il loro punto di vista..il che ti permette di conoscere meglio la loro storia..i loro pensieri.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che sia piaciuto anche a te, Romy! Anche a me è piaciuto molto il fatto che la Chapel abbia usato due voci per i suoi personaggi, perché sono voci che non solo esprimono le parole dei personaggi, ma anche i loro modi di pensare e parte del loro carattere. L'autrice in questo è stata bravissima!

      Elimina