venerdì 29 marzo 2013

Occasioni perse, decisioni prese

Scrivo questo post perché mi è stata fatta un'offerta davvero ottima, ma che sono stata costretta a rifiutare, per diversi motivi. 
Ebbene, due giorni fa sono stata invitata a partecipare a una trasmissione televisiva in cui si sarebbe parlato di un'antologia nella quale appare anche un mio racconto. Avrei avuto la possibilità di presentarmi e di leggere il mio pezzo in diretta, insieme ad altri autori selezionati. 
Ho dovuto purtroppo rifiutare l'offerta per due motivi principali: il primo è che il mio pc ormai non regge più, non riesco a guardare nemmeno un video su youtube senza che il laptop faccia un bel PUFF! per poi spegnersi senza preavviso; il secondo è che non appena mi è stata fatta quest'offerta mi è venuta un'ansia incredibile. Domande come: e se poi sbaglio a leggere il mio stesso racconto? E se si nota che sono troppo emozionata? E se faccio una brutta figura? Domande idiote, lo so. Diciamo che il pc rompiscatole ha trovato la risposta per me. Non potevo partecipare rischiando che mi si spegnesse tutto nel bel mezzo della trasmissione. Quindi non c'era altra soluzione che dirlo alla persona che è stata così gentile da pensare a me e da invitarmi. 
Da una parte penso di aver perso una grande occasione. Lo so e so anche che tanti altri autori esordienti avrebbero desiderato avere l'opportunità che è stata offerta a me. Lo so. 
Ma per ora, sto bene. 
Scrivo questo post quasi come un promemoria per me stessa. Se un giorno penserò di aver fatto una cazzata a rifiutare, leggerò qui e mi ricorderò che un motivo pratico c'era. E che non è stata solo colpa della mia codardia. 
Ho sempre e solo voluto che la gente leggesse i miei racconti. Non mi interessa farmi conoscere in tv. Alla tv non ci avevo nemmeno pensato. Forse un giorno cambierò idea, ma per ora no. Tutto quello che al momento desidero, dal punto di vista scrittevole intendo, è finire i miei romanzi e inviarli agli editori, essere pubblicata in modo da poter essere letta da più persone. Per ora sono questi i miei obiettivi "letterari". 
Cosa mi porterà il futuro ancora non lo so e non lo posso sapere. Ma almeno so qual è la prima tappa che vorrei raggiungere. 


Nessun commento:

Posta un commento